Rocca del Brunelleschi LeVie_del_Brigante_001.JPGRocca del Brunelleschi LeVie_del_Brigante_002.JPGRocca del Brunelleschi LeVie_del_Brigante_003.JPGRocca del Brunelleschi LeVie_del_Brigante_004.JPGRocca del Brunelleschi LeVie_del_Brigante_005.JPGRocca del Brunelleschi LeVie_del_Brigante_006.JPGRocca del Brunelleschi LeVie_del_Brigante_007.JPGRocca del Brunelleschi LeVie_del_Brigante_008.JPGRocca del Brunelleschi LeVie_del_Brigante_009.JPGRocca del Brunelleschi LeVie_del_Brigante_010.JPGRocca del Brunelleschi LeVie_del_Brigante_011.JPGRocca del Brunelleschi LeVie_del_Brigante_012.JPGRocca del Brunelleschi LeVie_del_Brigante_013.JPGRocca del Brunelleschi LeVie_del_Brigante_014.JPGRocca del Brunelleschi LeVie_del_Brigante_015.JPGRocca del Brunelleschi LeVie_del_Brigante_016.JPGRocca del Brunelleschi LeVie_del_Brigante_017.JPGRocca del Brunelleschi LeVie_del_Brigante_018.JPGRocca del Brunelleschi LeVie_del_Brigante_019.JPG



La Rocca del Brunelleschi è una colossale fortezza su quattro livelli edificata a Vicopisano nel 1435 a seguito della conquista della cittadina pisana da parte dei fiorentini il 16 luglio 1406. Vicopisano si trova a pochi chilometri da Pontedera, alla base del Monte Serra ed ha costituito per anni un'importante centro militare e commerciale della Repubblica di Pisa.
La città, fedele alla Repubblica Pisana, difesa da forti mura e protetta dalle acque del Fiume Serezza e dell'Arno, aveva resistito a nove mesi di assedio nei quali si susseguirono assalti condotti con bombarde, catapulte, torri mobili e arieti, ma alla fine si arrese per fame. I fiorentini entrarono così in possesso di un centro sulle rive dell’Arno dal quale dominavano i commerci fluviali e il vicino ramo della Via Francigena controllando i flussi dei pellegrini, dei mercanti e le prospere campagne intorno alle pendici del Monte Pisano. Con la caduta nelle mani di Firenze si pensò di rinforzare questa importante conquista per scoraggiare le mire dei vicini. Venne presa la decisione di costruire una fortezza che fosse imprendibile e scoraggiasse le insidie degli eserciti dei Visconti che da lucca minacciavano la Toscana. Il governo fiorentino commissionò al celebre architetto Filippo Brunelleschi il progetto della nuova opera difensiva. La proposta del Brunelleschi risultò subito molto innovativa: alla presentazione di fronte alla commissione governativa della quale faceva parte anche il giovane condottiero Francesco Sforza, grazie a un modello in creta e legno, il celebre architetto convinse tutti per le soluzioni innovative progettate.
Per realizzare la nuova opera l'abitato di Vicopisano fu pesantemente modificato: le chiese e i palazzi che si trovavano nell’area della sommità del colle di Vico furono in buona parte abbattuti. La fortificazione del Brunelleschi incorporò nelle nuove atrutture la pre-esistente Torre di S. Maria (del XII secolo). Quest'ultima fu trasformata nel mastio dell'attuale Rocca. La tipologia della fortezza è ancora medievale, con alte mura merlate poggiate su archetti con piombatoie per gettare pece greca infiammata e olio bollente sugli assalitori. Ma nel complessso difensivo ci sono anche molte innovazioni come l'abbondante uso di ponti levatoi destinati, quando ritirati, ad isolare le varie parti della fortezza nel caso il nemico fosse riuscito a penetrarvi. Per esempio, prima di accedere al cortile della Rocca, si doveva conquistare l’antiporta munita di Ponte levatoio e di fossato. All'interno, in caso di perdita del cortile, i difensori potevano abbattere la scala poggiata su quattro esili archi che collega il cortile col cammino di ronda delle cortine. Se il nemico fosse riuscito a giungere fin sulle cortine, la difesa si sarebbe attestata nella torre: era possibile isolare la torre dal resto della fortificazione ritirando il ponte levatoio che collega il cammino di ronda con l’unico ingresso della stessa. La torre, munita di propria cisterna e deposito di vettovaglie, poteva ancora resistere a lungo.
La soluzione più geniale ideata da Brunelleschi è sicuramente il poderoso muraglione merlato che scende dalla Rocca fino ai piedi del Colle, dove termina con l'alta torre del Soccorso (21 m) edificata nelle vicinanze dell'Arno, che in quel periodo passava proprio sotto le mura di Vicopisano. Come suggerisce il nome della torre questa opera era destinata a evitare l'isolamento in caso di assedio garantendo l'approvvigionamento di viveri, armi e rinforzi via fiume in caso di assedio.
Le barche potevano approdare in una caletta, difesa da fortificazioni oggi scomparse, scaricare uomini e polveri che venivano fatte entrare da uno stretto portello, poi risalivano al secondo piano della torre, per accedere al muraglione e salire alla Rocca. Ma il Brunelleschi aveva pensato a tutto: infatti, se il nemico fosse riuscito a conquistare la Torre del Soccorso e avesse cercato di accedere alla rocca dal muraglione, si sarebbe trovato esposto al tiro d’infilata proveniente dalla Rocca, ma soprattutto avrebbe trovato interrotto il collegamento fra il muraglione e il cammino di ronda delle cortine della Rocca da un'altro ponte levatoio, che apriva un varco di circa tre metri su uno strapiombo di quindici metri. Oggi sulla torre della rocca sventola di nuovo la bandiera pisana, ma non ci sono venti di guerra, soltanto visitatori che si arrampicano fino alla cima della fortezza per ammirare il panorama.

da fototoscana.it