Ho guardato nel mio corpo in profondità,
 e ho trovato una montagna,
 la vetta altissima nascosta da nebbia e nuvole,
 ho trovato un fiume che scorre giorno e notte,
 ho trovato una galassia
che si muove silenziosa, 
con miliardi di stelle…



In me c’è un piccolo bambino. 
La sua mano sinistra solleva il velo della notte.
 La mano destra porta un girasole, la sua torcia.
 I suoi occhi sono due stelle.
 Gli chiedo
“cosa stai cercando? dove stai andando? 
dov’è la vera sorgente? e la destinazione finale? 
quali strade portano a casa?”
 Il bimbo sorride soltanto.
 Il fiore nelle mani
diventa un sole luminoso,
 e il bimbo continua il suo cammino,
 sul sentiero tra le stelle.



 

Thich Nhat Hanh